Un altro caso di successo...?

16/03/2018
Un altro caso di successo...?
Il proliferare di dati e informazioni in azienda evidenzia sempre di più la necessità di poterli condividere in modo rapido e soprattutto semplice. Se parliamo poi di Business Intelligence, di dashboard, grafici a torta, istogrammi, tabelle… la cosa si complica ulteriormente.
Eppure una soluzione c’è, in modo particolare se i dati che dobbiamo condividere derivano da QlikView® e da Qlik Sense®, tecnologie leader nel mondo della Business Intelligence.

Immaginiamo la situazione:

- azienda multinazionale dove il flusso di informazioni è notevole e piuttosto articolato
- coesistenza delle due piattaforme di Business Intelligence  QlikView® e Qlik Sense®
- necessità di condividere rapidamente via e-mail le informazioni presenti su ambedue le piattaforme, mantenendo il layout degli oggetti già costruiti.
- l’informazione distribuita deve essere profilata rispetto al destinatario e schedulata secondo diverse modalità.

A questo punto facciamo intervenire il tool BIMAIL®, cosa succede? Vediamone i vari effetti distinti per ambito tematico:

Una potente elasticità multiapplicazione

PROBLEMA: il cliente necessita la distribuzione di oggetti a partire da file QlikView® e app Qlik Sense®, in modo da mantenere aggiornati gli utenti sui dati presenti su entrambe le piattaforme.
SOLUZIONE: i tasks di BIMAIL® possono essere costituiti da oggetti appartenenti a diverse applicazioni, sia QlikView che Qlik Sense, e questo fattore consente di creare task in cui addirittura coesistono oggetti di QlikView® e di Qlik Sense®, in modo da rendere l’informazione ricevuta ancora più significativa, anche in un ambiente non omogeneo.

Risultato: diverse fonti in un’unica visualizzazione

PROBLEMA: l’informazione distribuita deve essere profilata rispetto al destinatario, in modo che ogni Business Unit riceva solo i dati di sua competenza.
SOLUZIONE: la funzione di ciclatura di BIMAIL® ha un doppio campo, in modo da accorpare mail che devono essere ricevute dagli stessi destinatari e di ciclare anche per il destinatario in copia, per garantire ulteriore profilazione ai destinatari. Grazie all’integrazione delle azioni è possibile associare a ogni oggetto e allegato le classiche azioni di QlikView®, per rendere semplice e intuitivo aggiungere ulteriori profilazioni per la distribuzione.

Risultato: Informazioni specifiche a specifici destinatari, tutta e solo l’informazione che serve.
 
Smart Slide: la condivisione intelligente

PROBLEMA: il cliente vuole creare piccoli report contenenti testo e grafici, cosa complicata soprattutto quando, utilizzando Qlik Sense®, non esiste l’equivalente dei report di QlikView®.
SOLUZIONE: utilizzando i vari template della Smart Slide è possibile creare rapidamente dei mini report contenenti testo e grafici. La Smart Slide consente di poter distribuire comunque un’informazione che altrimenti resterebbe riservata ai soli utenti con accesso alle app Qlik Sense®.

Risultato: innumerevoli possibilità di condivisione per tutti gli utenti

A colpo d’occhio

PROBLEMA: possibiltà di inserire grafici e KPI anche all’interno del corpo delle mail e di personalizzarle singolarmente.
SOLUZIONE: grazie alla funzione "HTML Body" di BIMAIL®, è consentito al destinatario di avere immediatamente un’idea della situazione, anche senza dover analizzare subito gli allegati. Inoltre, tramite i parametri contenenti i dati del destinatario e grazie alla possibilità di inserire variabili provenienti dalle applicazioni, le e-mail e le Smart Slide possono essere personalizzate con le informazioni necessarie rendendole ancora più complete.

Risultato: efficacia e qualità nella condivisione delle informazioni

Schedulazione

PROBLEMA: alcune e-mail devono essere spedite giornalmente sempre a un certo orario della mattina, altre non hanno invece tempistiche certe poichè devono essere inviate solo al termine del reload dei file e delle applicazioni.
SOLUZIONE: BIMAIL®, combinando la schedulazione interna alla possibilità di avviare i tasks tramite un link, consente di soddisfare egregiamente questa necessità.

Risultato: ottimizzazione della distribuzione a più livelli e con tempistiche variabili.

E quindi?

Lasciatecelo dire, non si tratta di un altro caso di successo, ma della normalità.
Quando i nostri clienti integrano l’utilizzo del tool BIMAIL®, con i loro progetti di Business Intelligence sviluppati attraverso Qlik®, tutte le necessità di distribuzione di ambienti molto complessi, anche quelle che il cliente stesso a volte non sa di avere, vengono soddisfatte da questo unico strumento di facile installazione e utilizzo.

Cosa aspettate quindi a scaricare la trial gratuita o a chiederci una demo dedicata di BIMAIL®?

A cura di Maria Francesca Corrado / Product Specialist

Conosciamoci meglio

Approfondiamo insieme come ottenere il massimo dai tuoi dati.